Calciomercato in tempo reale

Il Foggia è timido, la Samp no. A "Marassi" è 3-0 blucerchiato

Vittoria blucerchiata per 3-0
Vittoria blucerchiata per 3-0
- 50797 letture

Un Foggia timido e poco incisivo, consegna la vittoria alla Sampdoria di Giampaolo, brava a rifilare un secco 3-0 ai ragazzi di Stroppa. Rossoneri bravi in avvio a creare qualche pericolo ai padroni di casa, che alla lunga però emergono e sfruttano al meglio qualche errore della retroguardia foggiana. 

CRONACA - Stroppa schiera a sorpresa Fedato ed Empereur in luogo di Chiricò e Coletti, sicuramente non favoriti nei pronostici di formazione iniziali. Milinkovic vince il ballottaggio con Floriano. Giampaolo risponde con Murru terzino sinistro in luogo di Berezinski, Alvarez trequartista e Praet nei tre di centrocampo. Coppia d'attacco formata da Caprari e Quagliarella. 

Il Foggia parte bene nei primi minuti, con Milinkovic tra i più pericolosi pronto a insidiare la difesa blucerchiata. La Sampdoria guadagna pian piano terreno e al primo errore dei rossoneri, passa in vantaggio: rinvio non perfetto di Guarna, ne approfitta Murru che serve di testa Quagliarella il quale a sua volta controlla la sfera, e pesca il tutto solo Barreto in area che appoggia da due passi in rete superando Guarna. Dieci minuti dopo, il Foggia va vicino al pari: Deli recupera palla e dai 25 metri prova la conclusione: Torreira devia il pallone che per poco non beffa l'immobile Puggioni, terminando di pochissimo a lato. Il Foggia tiene bene il campo, ma non riesce ad incidere nella trequarti blucerchiata. Stessa cosa per i padroni di casa, che ci provano senza risultati con Praet e Quagliarella. Si va così a riposo sul punteggio di 1-0.

La ripresa si apre senza cambi, e con una Samp determinata nel chiudere la gara. Al 50' Praet scambia bene con Caprari in area, con quest'ultimo che chiude l'uno-due liberandolo a tu per tu con Guarna, ma il belga appoggia facilmente tra le braccia del portiere rossonero da ottima posizione. Pochi istanti dopo dalla parte opposta, Fedato guadagna un buon calcio di punizione dal limite che però Mazzeo calcia centralmente facilitando la parata di Puggioni. Stroppa prova a cambiare l'attacco rossonero: dentro Chiricò e Calderini, fuori Milinkovic e Fedato. Ed è proprio Chiricò che va vicino al pari pochi minuti dopo: grandissima azione personale dell'esterno rossonero che dalla destra, punta un avversario, lo salta, si accentra e prova la conclusione a giro costringendo Puggioni a volare sulla sua destra per respingere il pallone. Anche Giampaolo provvede ad effettuare due cambi: fuori Alvarez e Quagliarella, dentro il neo acquisto Ramirez e il giovanissimo Kownacki classe '97. Pochi istanti più tardi, i blucerchiati chiudono il match: Empereur sbaglia il disimpegno, Ramirez recupera palla e serve Caprari al centro che ha tutto il tempo di controllare e calciare a rete dall'altezza del dischetto, beffando Guarna. Passa un minuto, e Kownacki, servito in profondità, viene anticipato da Guarna che però serve Ramirez il quale prova la conclusione vedendo la porta vuota ma colpisce sulle mani il portiere rossonero, posizionato però fuori area. Giallo al numero uno del Foggia. I rossoneri sono storditi dal secondo gol dei padroni di casa, capitolano al 79': Kownacki raccoglie un cross perfetto dalla sinistra, svettando più alto di tutti e depositando da pochi passi la palla in rete. Da qui in poi, la gara non offre più alcuna particolare emozione, se non un colpo di testa ravvicinato di Chiricò respinto da Puggioni. 

Foggia fuori dunque dalla TIM Cup, Sampdoria che prosegue il suo cammino: prossimo avversario dei blucerchiati il Pescara di Zeman, vittorioso sul campo del Brescia per 3-1. 

Francesco Beccia