Milan, la delusione dei rossoneri di Ventura

Bonucci consola Belotti
Bonucci consola Belotti
- 21711 letture

Il legame tra Milan e Nazionale è sempre stato molto forte. Lo ha dimostrato Paolo Maldini, capitano rossonero e azzurro, in Nazionale dal 1988 al 2002, che, all'arrivo a San Siro, ha dichiarato: "È una settimana che sono in tensione". Lo ha dimostrato Leonardo Bonucci, gettando la mascherina protettiva. Un gesto apparentemente banale, ma di grande intensità e dedizione, un "tentativo estremo di ribellione all'inerzia negativa", come scrive acmilan.com. Momenti che restano negli occhi e nel cuore anche nella pesantissima vicenda sportiva. Come l'abbraccio tra le lacrime fra Gigi Buffon e il "suo" Leo Bonucci. È da qui che il centrale del Milan deve ripartire. Dopo aver "immolato" il ginocchio nel primo tempo sull'altare di un'azione importante e dopo aver rinunciato a proteggersi dalla frattura al naso, nonostante la durissima eliminazione dai Mondiali, Bonucci ha forse dato più di quel che aveva, ieri sera. E poi "Gigione Donnarumma", così lo ha idealmente chiamato Buffon a fine gara, con gli occhi lucidi, per passargli il testimone di una porta difesa per quasi vent'anni.

(Fonte foto: sito ufficiale A.C. Milan)

Stefano Piazza