Difficile ma necessario

Domenica Novara a Pescara
Domenica Novara a Pescara

Il terzo risultato utile consecutivo del Novara non deve trarci in inganno in quanto è arrivato dopo una partita deludente e che ai punti avremmo meritato di perdere contro una Cremonese che ad un certo punto ha creduto, nonostante il vantaggio di una sola rete, di portare a casa con relativa facilità i tre punti; la formazione del grande ex Tesser, come sempre coperto di applausi al suo ingresso al “Piola”, si è presentata 4 volte davanti a Montipò non riuscendo però a chiudere il match anche per merito del nostro portiere che oltre ad essere la nota più lieta di questo periodo si è dimostrato più che pronto alla serie B, gli azzurri hanno avuto il merito di metterci il cuore nella parte finale della partita e l’autorete all’ultimo secondo è stato un premio alla volontà di Dickmann e compagni ai quali si possono imputare tante cose ma sicuramente non si può dire niente per quanto riguarda impegno ed abnegazione che non mancano mai. A quasi metà campionato è evidente che c’è un Novara casalingo che non convince e che produce pochi punti e uno spettacolo quasi sempre pessimo, al contrario fuori casa la truppa di Corini, sperando di non essere smentito a Pescara domenica pomeriggio, interpreta i match nella giusta maniera aspettando gli avversari e colpendo al momento giusto quando ne ha le possibilità; a domanda specifica sul fatto di adottare due sistemi di gioco differenti tra casa e trasferta Corini si è dimostrato scettico, è convinto che con il miglior Maniero possa funzionare il 3-5-2 anche al “Piola” e contro il Perugia giovedì prossimo vedremo al 99% ancora questo schieramento, il mister prenderà in considerazione eventuali modifiche durante la pausa tra la fine dell’andata e l’inizio del ritorno sperando nelle tre partite che mancano di conquistare quel successo che ci farebbe “girare” ad una quota soddisfacente, la mia personalissima opinione è che voglio vedere qualcosa di diverso a costo di rischiare qualcosa di più, siamo meno forti di Empoli e Cremonese? Può essere ma a casa nostra voglio vedere più intensità, più voglia di fare e più carica nel cercare i tre punti, l’atteggiamento dei ragazzi deve essere trascinante verso un pubblico freddino ma che onestamente non trova nel rettangolo di gioco grandi motivazioni per appassionarsi allo spettacolo al quale sta assistendo; non per giustificare Corini ma non è facile cambiare di settimana in settimana lo schema tattico, forse ci vorranno anche degli interventi sul mercato invernale ma un rendimento del genere tra le mura amiche è inaccettabile e dobbiamo prevenire quella fase della stagione che io credo arriverà in cui non saremo più la miglior squadra esterna della cadetteria. La doppia sfida interna non ha portato la spinta ed i punti che mi auguravo, con Pescara, Perugia ed Entella una vittoria è d’obbligo e spero possa già arrivare contro i bianco azzurri di Zeman che a Cesena mi sono sembrati in un periodo tutt’altro che felice.

Avanti Novara!!!

Marco Dho