Di Francesco: "La colpa è soprattutto mia e non dei giocatori"

Eusebio Di Francesco
Eusebio Di Francesco

La sua Roma perde 2-0 contro il Milan ed esce dal campo trra i  fischi dei suoi tifosi. E' stata proprio  una serataccia per la formazione capitolina e per Eusebio DI Francesco che ora precipitano al quinto posto mettendo in serio rischio  la qualificazione alla prossima Champions League. L'allenatore giallorosso a fine gara è apparso molto deluso ma non rassegnato.

"Qui stiamo sempre a cercare alibi per le brutte prestazioni, ma non  si può continuare così. Oggi per 50 minuti abbiamo fatto meglio ma poi siamo crollati fisicamente ed emotivamente. Sul primo gol abbiamo commesso errori enormi. Non si può concedere a Suso di stoppare la palla, rientrare sul suo piede e crossare e a Cutrone di infilarci in quel modo. Non sono contento delle prestazioni, però ci tengo a dire che il maggiore responsabile sono io e non i giocatori. Noi ci alleniamo bene in settimana, lavoriamo con buona intensità che però non riusciamo a portarci in partita. Faccio fatica a dare spiegazioni, quello che so che è che dopo il primo gol ci siamo spenti e non siamo riusciti a tonare in gara. Adesso dobbiamo solo cercare di lavorare al meglio e di ripartire".

Giorgio Perugini