Cosenza, buon punto a Pescara. Rabbia Braglia: "Meritiamo rispetto"

Il fallo di mano di Gravillon
Il fallo di mano di Gravillon

La soddisfazione per aver conquistato un punto importante su un campo difficile e la rabbia per un torto arbitrale, l'ennesimo, che questa volta nel dopo gara ha fatto saltare i nervi a mister Piero Braglia: "Era rigore. Stiamo cercando di onorare al meglio questo campionato. Meritiamo rispetto".

All'Adriatico finisce 1-1 tra Pescara e Cosenza. Succede tutto nella ripresa. Prima l'errore di Fiorillo che al 53' si fa scappare il pallone dalle mani con Tutino pronto ad insaccare in rete. Poi, cinque minuti più tardi, l'ex Scognamiglio è bravo di testa a trovare l'angolino più lontano della porta difesa da Perina.

Sostanzialmente Pescara-Cosenza è tutto qui ed il pareggio, probabilmente, alla fine è il risultato più giusto. Al Cosenza, però, resta la rabbia per un calcio di rigore abbastanza netto non concesso nel primo tempo dal sig. Illuzzi di Molfetta per un fallo di mano in area del difensore pescarese Gravillon.

Per il Cosenza, adesso, arriva il turno di riposo che servirà per ricaricare le pile e recuperare qualche calciatore infortunato in vista dell'importantissima gara casalinga contro il Palermo al Marulla sabato 30 marzo.

LA CLASSIFICA

Francesco Modaffari

Leggi altre notizie:PESCARA COSENZA