Cavese, Modica: "C'è amarezza, la squadra non va rimproverata"

cavese
cavese

Mister Modica ha analizzato la sconfitta rimediata oggi e il momento che sta attraversando la Cavese. Le sue parole in conferenza stampa:

"La gara si era incanalata verso lo 0-0. Avevamo avuto quattro occasioni importanti ma non siamo stati bravi a chiuderla. Mi sento di fare i complimenti alla squadra, per 65 minuti abbiamo provato a fare la partita e le occasioni le abbiamo create"

"C'è grande amarezza perchè oggi potevamo raggiungere quota 43 punti ed era nelle nostre possibilità. La squadra non va rimproverata, va premiata perchè ha messo impegno e spirito di gruppo. C'è amarezza per quello che poteva essere il nostro percorso anche se ci sono altri 12 punti in palio"

"Abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, stavamo sperando tutti di fare qualcosa di straordinario: ancora nulla è perso ma siamo realisti. Vogliamo finire il campionato nel miglior modo possibile"

"La Reggina è stata brava e fortunata. Mi dispiace per quello che poteva essere questo rush finale. Pensiamo al fatto di aver mantenuto la categoria, al centenario: adesso c'è del malcontento perchè a 8 giornate eravamo in un momento importante, abbiamo avuto delle perdite importanti e alla squadra faccio un plauso per quello che hanno fatto.

La squadra è fatta di ragazzi per bene, sono professionali, dobbiamo riconoscergli quello che hanno fatto finora. Anche il patron ha fatto i complimenti perchè avrà visto che la squadra ha mostrato impegno.

Riguardo la prossima gara con la Viterbese: "Non dobbiamo mollare niente. oggi c'è amarezza ma dobbiamo andare avanti."

"Bisogna essere felici di aver fatto già qualcosa di importante. Alla luce di quello che è costata la squadra, per come eravamo partiti senza sapere la categoria, ci siamo salvati bene. Ora ci aspettavamo qualcosa in più, non è arrivata, pazienza. La vita va avanti con rispetto e con dignità.

"A gennaio il presidente, non so se giustamente o ingiustamente, ha pensato che noi potessimo fare qualcosa di straordinario. L'errore che abbiamo commesso tutti è stato quello di esternarlo. Ma non ne faccio una colpa a una persona che ci mette ii soldi e che vuole fare qualcosa di importante per la sua città.

Io mi sento di ringraziare sia la squadra che il patron, quello che abbiamo fatto non si può mettere nel dimenticatoio. Ci siamo salvati con 8 giornate di anticipo, risultato straordinario per una squadra in un momento di transizione." 

Daniele Luciano

Leggi altre notizie:CAVESE