QE 2020 - Finlandia, la qualificazione è un traguardo storico - I AM CALCIO ITALIA

QE 2020 - Finlandia, la qualificazione è un traguardo storico

Helsinki, esplode la festa
Helsinki, esplode la festa
ItaliaEuropei

Le nazionali scandinave al potere. Svezia e Finlandia si uniscono a Spagna e Italia già qualificate nei gruppi F e J, ottenendo una traguardo che nel Nord Europa non è così scontato. Soprattutto la Finlandia può festeggiare il raggiungimento di un obiettivo storico in quanto la "terra dei mille laghi" mai si era qualificata in precedenza per la fase finale di un torneo continentale. Resta in bilico la situazione nel girone D anche se Danimarca e Svizzera sembrano veramente ad un passo dalla rassegna itinerante della prossima estate.

Girone D

Si è tolta un peso la Svizzera, che doveva assolutamente battere la Georgia per mettersi in una posizione di assoluto vantaggio rispetto alle avversarie. Il successo per gli elvetici non è stato semplice per la coriacea difesa degli ex sovietici che, nell'ultimo match del proprio cammino di qualificazione, ci tenevano a fare bella figura. Ma alla fine lo stadio di San Gallo ha potuto festeggiare la rete di Itten che a meno di un quarto d'ora dalla fine ha dato il successo alla nazionale di Petkovic, a cui non resterà che completare l'opera battendo la cenerentola Gibilterra, travolta dalla Danimarca per 6-0: gli scandinavi guidano la classifica ma tutto si deciderà in Irlanda perché una vittoria della "nazionale del Trifoglio" consegnerebbe il passaggio del turno alla formazione di McCarthy in virtù degli scontri diretti.

Classifica: Danimarca 15 (7), Svizzera 14 (7), Irlanda 12 (7), Georgia 8 (8), Gibilterra 0 (7).

Girone F

I riflettori erano tutti puntati sul campo di Bucarest, dove Romania e Svezia si giocavano un biglietto per i prossimi Europei sotto l'occhio interessato della Norvegia, che nel pomeriggio aveva provveduto a strapazzare le Isole Far Oer con un netto 4-0 messo al sicuro dopo nemmeno un quarto d'ora di gioco. I norvegesi puntavano sul pareggio ma il primo tempo della nazionale allenata da Janne Andersson è stato fulminante, così come i gol di Berg e Quaison che in poco più di mezz'ora hanno messo al sicuro la qualificazione svedese, che si unisce alla Spagna nel volare ai prossimi Europei; protagonista a Bucarest anche l'arbitro italiano Orsato che ha sospeso per alcuni minuti la gara in risposta agli ululati dei padroni di casa verso il colored svedese Isak. Tutto facile per la Spagna B che con una formazione di seconde linee a spianato Malta con il pesante parziale di 7-0: sette marcatori diversi per la nazionale di Robert Moreno (tra cui la vecchia conoscenza italiana Morata e il redivivo Cazorla) a dimostrazione dell'ottimo bacino dal quale il tecnico iberico può pescare in vista dei prossimi impegni continentali.

Classifica: Spagna 23, Svezia 18, Romania 14, Norvegia 14, Isole Far Oer 3, Malta 3.

Girone J

Non sbaglia un colpo la Nazionale di Roberto Mancini che, pur a risultato ampiamente acquisito, si dimostra famelica conquistando i tre punti anche a Zenica, nella gara sulla carta più complicata del girone in casa della Bosnia-Erzegovina di Pjanic e Dzeko, e mantenendo intonso un cammino nelle fase di qualificazione che parla di nove vittorie in altrettanto gare. Per gli azzurri anche il record frantumato delle vittorie consecutive, 10, che supera il precedente primato di 9 vittorie consecutive fatto segnare dalla Nazionale di Vittorio Pozzo nei lontani Anni 30. A sorpresa la seconda qualificata del girone è la Finlandia, che usurpa il posto che sarebbe spettato proprio alla nazionale ex jugoslava: Pukki e compagni chiudono la pratica abbattendo il Liechtenstein (3-0) ed accendono una festa che ad Helsinki è durata per tutta la notte. Per i bosniaci, che anche perdono il terzo posto a favore della Grecia (vittoriosa di misura in Armenia, prossima avversaria degli "azzurri"), resta la possibilità di vivere ugualmente l'Europeo qualificandosi attraverso gli spareggi legati alla Nations League.

Classifica: Italia 27, Finlandia 18, Grecia 11, Bosnia-Erzegovina 10, Armenia 10, Liechtenstein 2.

Carmine Calabrese