Benevento. Cannavaro: "Importante aver rimontato lo svantaggio" - I AM CALCIO ITALIA

Benevento. Cannavaro: "Importante aver rimontato lo svantaggio"

Mister Fabio Cannavaro, Benevento
Mister Fabio Cannavaro, Benevento
BeneventoSerie B

Dopo il pareggio ottenuto in rimonta sul campo della Reggina, mister Fabio Cannavaro, allenatore del Benevento, ha così commentato la partita del "Granillo" rispondendo alle domande dei media:

"Aver recuperato lo svantaggio consente di lavorare in settimana con serenità e di dare continuità ai risultati precedenti. Siamo andati sotto dopo aver fatto un buon quarto d'ora, poi ho dovuto cambiare qualcosa perché giocavamo troppo sulle individualità. Si erano rivisti i fantasmi del passato e non deve accadere perché una partita dura 90'.

Le decisioni di un arbitro non sono mai facili. Se una squadra è più forte dell'altra allora fa tre gol e si va tutti a casa.

Le palle inattive possono diventare un fattore. Prima prendevamo gol su queste situazioni, ora, invece, i ragazzi hanno capito cosa voglio da loro e sono maggiormente lucidi anche grazie ad una migliore condizione fisica. La strada è ancora lunga e le difficoltà non sono finite. L'unica strada da percorrere è quella di migliorare lavorando.

Nell'intervallo mi sono arrabbiato molto perché in settimana lavoriamo su certe situazioni e, a prescindere da quello che succede in campo, bisogna sempre continuare a giocare. Se giochi solo con le individualità, o hai Maradona in campo o perdi le partite. Nel secondo tempo è cambiato il registro e anche il pari mi sta stretto perché abbiamo la sensazione di aver lasciato qualcosa per strada.

Schierandoci con il 3-5-2 possiamo recuperare palla davanti alla nostra area mentre con il 4-3-1-2 possiamo pressare più alto, recuperando palla in zona avanzata e, quindi, dando meno pressione alla difesa. Con i moduli mi posso divertire vista la rosa: in difesa soffrivamo e quindi ho cambiato anche perché loro giocavano con il falso nueve per cui tre centrali erano decisamente troppi.

I risultati sono il frutto del lavoro settimanale, i ragazzi stanno sempre meglio e si divertono in campo: tutto questo si riflette sul gioco. Ci sono ancora margini di crescita considerando anche i calciatori che abbiamo ancora fuori.

Con Inzaghi ci siamo salutati ma non so se era arrabbiato. Il calcio è fatto così, si può vincere e perdere ma l'importante è che tutto finisca al triplice fischio.

Il fatto di avere alternative in panchina fa la differenza perché c'è bisogno dell'apporto e dei gol di tutti. Viviani è importante per noi ma tutti i componenti della rosa hanno capito il messaggio.

Schiattarella nell'ultimo mese ha fatto uno sforzo incredibile portandosi dietro un problema al ginocchio che oggi si è riacutizzato. Spero di recuperarlo per il Palermo perché per noi è molto importante.

Col Palermo spero di riavere anche Tello. Simy ha ancora un problema ma ci lavoriamo. Per Veseli e Ciano ci vorrà ancora un po' di tempo. Questo vuol dire che l'emergenza non è ancora finita e che questo atteggiamento dobbiamo averlo sempre e non solo a sprazzi".

Maurizio Morante

Leggi altre notizie:BENEVENTO Serie B